Dipartimento Tecnologie Energetiche

Focus

Enea, nuovo accumulo per impianto solare termodinamico in Marocco

24/12/2019 RAI 3 TGR LEONARDO 
Conduttore: BRUSIN SILVIA ROSA – Servizio di: PREGNO CLAUDIA –
Marocco. Impianto solare più grande al mondo. Progetto coordinato da Enea.
Enea ha inaugurato in Marocco un nuovo sistema di accumulo termico che consentirà all’impianto solare termodinamico di Ben Guerir in Marocco di continuare a produrre energia elettrica anche in assenza di radiazione solare per quattro ore aggiuntive, in particolare nel tardo pomeriggio quando è previsto il picco di domanda di energia.
L’impianto, spiega una nota di Enea, è stato realizzato all’interno del “Green Energy Park” di Ben Guerir, in un’area desertica a 80 km a nord di Marrakech, nell’ambito del progetto europeo Orc-Plus, coordinato da Enea, che ha coinvolto altri tre enti di ricerca – il marocchino Iresen, il tedesco Fraunhofer Institute e lo spagnolo Cic EnergiGune – e tre imprese – le italiane Soltigua e Enerray (Gruppo Maccaferri) e la francese Euronovia.
“L’innovativo sistema, specializzato per impianti a concentrazione solare da 1-5MW, è in grado di accumulare fino a 19 MWh termici ed è composto da un serbatoio alto 13 metri e largo 4 riempito con circa 450 tonnellate di magnetite, un materiale molto economico e facilmente reperibile, che permetterà all’impianto solare a concentrazione di garantire la piena potenza di produzione di elettricità (1 MW) per circa 4 ore”, spiega Enea.
“Grazie a questo sistema di accumulo e alle innovazioni introdotte nel campo solare abbiamo raggiunto nuovi traguardi che potrebbero incentivare la diffusione della tecnologia del solare termodinamico, come l’aumento medio annuo di produzione di energia elettrica (fino al 40%) e, soprattutto, la riduzione del costo complessivo di realizzazione di questo tipo di impianti (-30%). A livello ambientale, invece, è stato azzerato il consumo di acqua che serviva al ciclo di condensazione del power block e impiegato un fluido termovettore a basso impatto ambientale ricavato dal riciclo di olii esausti, in grado di operare a una temperatura compresa tra i 180°C e i 300°C”, sottolinea Walter Gaggioli, responsabile del Laboratorio Ingegneria delle Tecnologie Solari di Enea.
Il progetto Orc-Plus – così come Mats con cui è stato costruito l’impianto solare termodinamico di Alessandria d’Egitto – fa parte della ‘strategia’ Enea che punta a promuovere la diffusione di impianti solare a concentrazione di piccole e medie dimensioni (1-5 MWe) per la produzione pulita di calore ed elettricità, quest’ultima da immettere nelle reti elettriche locali, rimarca ancora l’Agenzia. L’attività si inserisce nel quadro delle collaborazioni tra Enea e i Paesi della sponda sud del Mediterraneo, che puntano anche a rivitalizzare il mercato del locale lavoro e a creare nuove competenze specialistiche per una gestione autonoma degli impianti.